Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.

Per ulteriori informazioni clicca qui.

Giovedì, 12 Maggio 2016 18:15

Imposta Municipale Unica - IMU

Le aliquote per l’anno 2018 sono:

 - 5 per mille per abitazione principale solo se di categoria A/1-A/8-A/9 e relative pertinenze ( C/6 C/2 C/7) con detrazione di € 200,00

-  10,6 per mille per altri fabbricati e aree edificabili e immobili categoria D.

I versamenti dell’imposta dovranno essere effettuati con il mod. F24 presso qualsiasi ufficio bancario o postale.

Dichiarazione IMU

E’ possibile compilare la dichiarazione IMU entrando nel sito https://www.riscotel.it/dichimu/dichiarazioneimu.php

 

Rimborsi IMU

In tutti i casi in cui si riscontrano errori nel versamento dell’imposta, sia per quanto riguarda le somme versate allo Stato che per quelle versate al Comune, il contribuente, al fine di ottenere il rimborso, deve presentare un’unica istanza al Comune, il quale provvederà a verificare l’attendibilità della richiesta.

Nel caso in cui vi sia un’errata indicazione dei codici tributo, ferma restando la correttezza dell’importo complessivamente versato, che comporti una diversa distribuzione dell’imposta tra Stato e Comune, spetterà al contribuente far pervenire a codesta amministrazione un’istanza in cui chiederà la correzione delle somme erroneamente versate poiché spetta all’ente locale ed allo Stato il compito di effettuare le relative regolazioni finanziarie.

Infine, nel caso in cui l’intermediario (banca, Poste, agente della riscossione) presso cui è stato presentato il mod. F24, riporti in maniera sbagliata il codice catastale del comune ove è ubicato l’immobile, questi dovrà, a seguito di istanza del contribuente, chiedere l’annullamento del modello F24 che contiene l’errore e reinviarlo con i dati corretti. In questo caso sarà compito dell’Agenzia delle Entrate regolarizzare le posizioni errate.

Il contribuente dovrà informare, nelle forme ritenute più idonee, il comune dell’avvenuta operazione.

Per quanto non specificato si rimanda alla consultazione della suddetta circolare

Il rimborso deve essere richiesto al Comune in carta libera allegando copia dei versamenti eseguiti e di un documento di identità.