News

STOP AI CERTIFICATI NEI RAPPORTI FRA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E CITTADINI

19 gennaio 2012

A seguito dell’entrata in vigore della legge di stabilità (L. 183/2011), dal 1° gennaio 2012 i certificati rilasciati dalla Pubblica Amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono validi ed utilizzabili solo nei RAPPORTI TRA PRIVATI (cittadino ed imprese, banche, assicurazione, etc…).
Nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, i certificati sono sempre sostituiti dalle autocertificazioni e dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà (art. 46 e 47 del DPR 445/2000), conseguentemente, a far data dal 1° gennaio 2012 le amministrazioni e i gestori di pubblici servizi non possono più accettare né richiedere certificati.
I Servizi demografici continueranno a rilasciare certificati, su richiesta dell’interessato, da utilizzare solo ed esclusivamente nei rapporti fra privati (i certificati recheranno apposita dichiarazione di validità limitata a tale uso) applicando l’imposta di bollo sulla base della vigente normativa.
Si ricorda che l’autocertificazione e le dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà (art. 46 e 47 D.P.R. 445 del 2000) hanno lo stesso valore dei certificati inoltre, nella maggior parte dei casi, non comportano nessun costo – non sono soggetti né all’imposta di bollo né ai diritti di segreteria.
La modulistica da utilizzare per tali dichiarazioni è reperibile alla pagina: UFFICI E DOCUMENTI – DOCUMENTAZIONE
Gli uffici sono a disposizione per maggiori informazioni e/o chiarimenti.
Si allega Direttiva del Ministro della pubblica amministrazione e della semplificazione avente ad oggetto: “Adempimenti urgenti per l’applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui all’art. 15, della legge 12 novembre 2011, n. 183.

Allegati

Documento Acrobat PDF
DIRETTIVA (120 KB)